Fabiana Vini, il Primitivo di Manduria che parla Americano

Fabiana Vini, il Primitivo di Manduria che parla Americano

Fabiana è nata in una terra di vino, una terra che ha incontrato sin dai tempi della Magna Grecia i favori della Natura. Vini famosi per la spiccata fertilità del terreno e per gusti importanti, prodotti a San Giorgio Jonico e dintorni, per le famiglie Patrizie dell’Impero Romano, dalla zona circostante il Mar Piccolo di Taranto. Oggi Fabiana Vini porta avanti la bandiera del Made in Italy, della Puglia da bere, nel nuovo Impero: quello Americano.

La abbiamo incontrata dopo vari vagabondaggi da parte di entrambi (!), mentre lei è immersa nella vendemmia 2016. La location scelta è l’Oblò, di Lido Gandoli a Leporano Marina. Proprio la spiaggia delle famiglie aristocratiche, greche, romane e tarantine.

20160716_194838.jpgLa storia della cantina Fabiana arriva da lontano, quando la famiglia Barulli già produceva olive, frutta e uva, dalle terre disseminate nel Tarantino sino a Massafra, e i piccoli Fabiana e Michele giocavano rotolandosi nel fango, durante le vendemmie e raccolte. Negli anni, i ragazzi si sono impegnati per passare alla vinificazione e esportazione, organizzando i compiti. Michele, sommelier e vigneron, impegnato presso le campagne, e Fabiana, ambasciatrice del vino Pugliese negli USA.

Una scelta che ha premiato la famiglia, esempio della nuova onda di cantine pugliesi, che finalmente hanno smesso i panni di semplici produttori di ottime uve e conferitori, per divenire produttori di qualità e commercianti.
Ricordiamo che la Puglia è prima produttrice di uve, in Italia, e alcuni tra i più grandi vini Italiani, sono tuttora prodotti grazie alla forza espressiva delle nostre uve. Perché la Green Puglia è una terra unica, capace di regalare vitigni forti, vini emozionanti e sensazioni uniche. Discorso analogo per le olive da Olio EVO Extravergine di Oliva.

11218063_861279473950757_7695037595801718033_nAbbiamo avuto il piacere di conoscere in precedenza Michele Barulli, autentico conoscitore della pratica enologica, che insieme al capostipite della famiglia, conduce una azienda agricola nel rispetto della natura, secondo una filosofia produttiva compatibile con la natura, che non abbisogna di certificazione.
La bella Fabiana è stata investita dell’onòre del nome, dei vini di famiglia, e dell’ònere di testimoniarne il valore nel mercato Americano, saggiamente scelto perché di riferimento, con risultati positivi in termine di apprezzamenti, della Puglia intera come terra unica, di vacanze e di vini, per il pubblico degli Stati Uniti che è abituato a riferirsi alla Toscana, come ‘campagna d’Italia’.

7384_947509961994374_5707583800744978536_n

A noi è piaciuto il Primitivo Calidus, sincero esempio di quel che è il Primitivo di Manduria, vino importante, dai caratteristici frutti rossi, valorizzati dalla maturazione in botti per 4-5 mesi, fino alla leggera tostatura che gli permette di aggiungere al bouquet di sapori, la liquirizia e la marmellata di prugne.
10689667_754847854593920_8177244872579943970_nIl progresso enologico è stato visibile negli ultimi anni, e alla degustazione di oggi, i vini sono stati accompagnati perfettamente con i formaggi selezionati da Mimmo, gentile padrone di casa dell’Oblò e prodotti da In Masseria. Ci ha emozionato particolarmente il Don Carlo, ‘il formaggio’ pugliese per eccellenza della Masseria del Duca, un vaccino stagionato in masseria, che riporta alla mente i sapori del passato glorioso, della provincia tarantina che ospita da secoli, allevamenti di qualità e produzioni casearie caratteristiche. Sposava perfettamente il Primitivo, sgrassando il formaggio e mettendo in risalto il tannino e i frutti rossi, in un abbinamento regionale consigliato, per tipicità e tradizione.

Uve: Primitivo, Negroamaro, Chardonnay, Fiano
Fascia di prezzo: da 5 a 15 euro
Etichette: Calidus, Kalema, Fiocco, Nonna Cecca

Advertisements
Gelato Artigianale d’autore in Puglia: La Cremeria a Mottola

Gelato Artigianale d’autore in Puglia: La Cremeria a Mottola

la cremeria logoL’autentico gelato artigianale in Puglia si può gustare a Mottola, Taranto presso La Cremeria Gelati e C. di Gaetano Lattarulo.

Gelateria artigianale vuol dire anche Kilometro Zero nella scelta delle materie prime, zero grassi vegetali, panna fresca, zuccheri e latte fresco di alta qualità, di provenienza certificata, senza l’impiego di semilavorati di bassa qualità. Nei gusti alla frutta, quali fico, loto e mandarino, la frutta fresca è presente per più del 40% del gelato prodotto finale.

DSC06246

Gli ingredienti di alta qualità, vengono bilanciati tra di loro, nella paziente successione delle fasi di pastorizzazione, mantecazione, abbattimento, e conservazione.

La maturazione dura almeno 6 ore, nel pastorizzatore: in questa fase, si legano tra loro proteine e grassi, il gelato così acquista struttura e gusto.

Disponibili, oltre i grandi classici come limone, cioccolato e nocciola, i gusti al Pistacchio di Bronte, gli appetitosi Sette Veli, gelato al Caco, Fico d’India e Plasmon.

La Cremeria nacque per gioco, quando, nel 1982 a Novara, l’addetto ai gelati del locale Bar Borsa andò via, sicchè il giovane Gaetano lì di passaggio, si trovò improvvisamente chiamato a sostituirlo, e dovette apprendere il funzionamento dei vari macchinari in un solo fine settimana. Da quel giorno la passione lo ha spinto ad approfondire con riviste tecniche e del settore, quindi la formazione e l’aggiornamento sono continuate sino ai giorni nostri. Qualche anno dopo, nel 1987, decise di tornare nel paese natale, a Mottola, patria della sua famiglia, dove avviò questo apprezzato bar gelateria.

gaetanoTra i riconoscimenti, si parte dal 1995 col terzo posto al Campionato Italiano Gelatieri, premiato il suo gusto Pistacchio; nel 2008 Slow Food ha inserito nei propri Laboratori del Gusto, il suo fiordilatte al latte di capra, servito con un filo di olio EVO. Nel 2010 Repubblica seleziona La Cremeria di Mottola tra le Migliori 10 Gelaterie d’Italia, con una valutazione fatta ‘al buio’ a insaputa degli artigiani stessi.

Negli anni 2000, inizia la collaborazione con la Babbi, come tecnico dimostratore e formatore per i semilavorati, poi come studente consegue vari attestati presso l’Arte Dolce di Rimini, fino ad arrivare in tempi recenti, ad assistere docenti di fama internazionale in corsi di Gelateria.

Cosa gli permette di continuare a mantenere questi standard di alta qualità? Certamente il supporto della sua famiglia, da anni costantemente al suo fianco; ultimamente anche la giovane figlia Melania lo affianca in gelateria. In secondo luogo la passione per l’arte gelatiera, che lo porta costantemente ad essere aggiornato e seguire nuovi corsi.

DSC06237Lo ‘Spumino’ è un’altra invenzione de La Cremeria di Mottola: consiste di un gelato alla crema di latte, monoporzione, genialmente ripieno di un cuore di caffè o amarena, impreziosito da morbido pan di spagna. Si differenzia da papà Spumone, anche esso inventato in Salento, Puglia, perché è destinato alla degustazione di una singola persona, oltre che per la possibilità di farcire spumoni con nocciola e fiordilatte.

E se voleste provare un innovativo abbinamento Gelato-Vino? Consigliati gusti salati, come i gelati al Gorgonzola, alle Olive, e Ricotta e Fichi Caramellati. Di recente abbiamo degustato il gelato al vino Primitivo, vitigno che a Mottola è di casa.

La produzione di Pasticceria fredda de La Cremeria include cannoli, piccoli coni, tartufini, cestini, babà; torte gelato, panettoni gelato ripieni di semifreddo, disponibili tutto l’anno. Questi semifreddi vanno conservati a -18°C e consumati intorno a -14°C.

E’possibile degustare l’arte Gelatiera di Gaetano Lattarulo, nella sua gelateria boutique di Via Palagianello, 128 a Mottola, Taranto, e prenotare al numero 348.2905689 . Una fama tra gli appassionati di gelato artigianale, consolidata negli anni, grazie alla qualità degli ingredienti, la passione per un gelato artigiano, tramandato dalle mani dei maestri del sapore.

gelato al vino Primitivo